Il fascino di Taranto Vecchia e dei suoi ipogei

Luogo snobbato dai più, Taranto Vecchia è il cuore autentico di una città che, per il resto, è tristemente famosa per la sua storia, legata all’Ilva. La tappa più importante di Taranto Vecchia è il Duomo, intitolata a San Cataldo e particolarmente cara a Vittorio Sgarbi. Preziosi il suo soffitto a cassettoni, l’altare sopraelevato che sembra una scena teatrale e la meravigliosa cripta. La Puglia è famosa per l’extravergine, si sa; è quindi obbligatorio vistare il Frantoio Normanno di
Taranto Vecchia, che è ipogeo e quasi invisibile (si trova in Via Cava). Vanno visti anche San Domenico Maggiore, esempio di architettura gotica locale e il suo chiostro, che conserva resti risalenti al Neolitico. Bellissimo anche il museo etnografico, ospitato dall’altrettanto bellissimo Palazzo Pantaleo, che affaccia sul Mar Grande.


Leggi l'articolo completo di In Viaggio con Lollo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *