Bologna visita insolita. Cosa vedere nella città dei portici

Una “Bologna insolita” vista con gli occhi di un viaggiatore curioso in cerca di luoghi preziosi ed insoliti, delle vere chicche da scoprire. Si parte dall’amore che Lucio Dalla ha provato per il Capoluogo emiliano visitando la Casa di
Lucio Dalla in Piazza de’ Celestini. Si prosegue ammirando due capolavori di indiscusso valore: il gruppo scultoreo di terracotta a grandezza naturale di Niccolò dell’Arca ospitato nella Chiesa di Santa Maria della Vita e la “Madonna col Bambino e angeli” di Cimabue esposto nella Basilica di Santa Maria dei Servi.
Da non perdere è l’affaccio sul Canale delle Moline che scorre timido tra le abitazioni che fanno da sponda. Si continua
con la Basilica di Santo Stefano, conosciuta come il “Complesso delle Sette Chiese”, e il Santuario della Beata Vergine di
San Luca raggiungibile anche a piedi percorrendo un portico composto da oltre 600 arcate. E, per concludere, un’assaggio di due prodotti tipici: la mortadella e le lasagne.


Leggi l'articolo completo di Viaggiatore non per Caso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *